‘SCOLACIUM D’AUTORE’ INCONTRA IL SOCIOLOGO DI CARATURA INTERNAZIONALE, DOMENICO DE MASI

SONY DSC
ARTICLE TOP AD

Ripartono con un nuovo e importante appuntamento gli incontri 2017 della rassegna “Scolacium d’autore”: il primo ospite dell’anno sarà Domenico De Masi, uno dei massimi sociologi di caratura internazionale, che proprio nella maestosa cornice del Parco Scolacium di Roccelletta di Borgia (CZ), sabato 28 gennaio h. 17

 
dialogherà sul suo ultimo libro “Una semplice rivoluzione” (Ed. Rizzoli) con il giornalista inviato speciale Rai1 Francesco Brancatella. A fare gli onori di casa sarà la Presidente della Fondazione Armonie d’Arte, Chiara Giordano. Interverrà Armando Vitale, Presidente dell’Associazione Gutenberg e della Fondazione Imes. Al termine dell’incontro è previsto, come sempre accade nell’ambito degli appuntamenti di “Scolacium d’autore”, il dibattito, e a seguire per chi vorrà trattenersi ci sarà l’originale aperitivo d’epoca secondo antico ricettario romano.
 
Questo appuntamento con Domenico De Masi (inizialmente previsto per il mese di dicembre), conclude il ciclo di incontri con “Scolacium d’autore” 2016, fra le attività culturali e di lettura più frequentate ed applaudite dell’autunno calabrese, che ha ospitato, come ricorderà il pubblico, anche: Nicola Gratteri, Elena Stancanelli, Missiroli e Fontana, Simonetta Anello Horby. Una rassegna che, lo ricordiamo, è a cura della Fondazione Armonie d’Arte, in collaborazione con la libreria Ubik di Catanzaro diretta da Nunzio Belcaro, e con l’Associazione Gutenberg presieduta da Armando Vitale, nell’ambito di “Terre di Scolacium“, progetto di valorizzazione dello straordinario Bene culturale che la ospita.
 
“Un progetto – dichiara il presidente della Fondazione Armonie d’Arte Chiara Giordano – che ha visto il suo avvio solo pochi mesi fa, ma che già esprime un consenso ampio e convinto, una consistente partecipazione di un pubblico che ha a cuore lo sviluppo territoriale e crede nella cultura come strumento strategico”.
Cresce infatti la proposta culturale del Parco Scolacium aperto, fruibile e propositivo non solo d’estate, con l’ormai affermato e amatissimo dal suo pubblico Festival Armonie d’Arte, ma tutto l’anno con visite guidate standard e teatralizzate sui miti e sulle leggende, food antico con degustazioni d’epoca, mostre di arte contemporanea. Ricordiamo che presso il Museo archeologico è attualmente visitabile l’originalissima mostra “Asemic Writing”, con un interessante allestimento oltre ogni tempo. E ancora il Parco offre laboratori, incontri con scrittori, artisti, intellettuali, e molto, molto altro. “L’idea – conclude il presidente Giordano – è proprio quella di coniugare un luogo della Storia con il mondo contemporaneo di ogni giorno, perché l’arte sia sempre più un fatto quotidiano per noi tutti, e non solo un evento straordinario per pochi. Scolacium è un’agorà dello spirito, uno spazio libero e franco in cui far confluire e muovere intelligenze e risorse”.
Appuntamento dunque con uno dei più importanti sociologi della scena mondiale  e  con il suo credo: “Un giorno non sarà più il desiderio di guadagno a motivarci, ma il desiderio di felicità”. L’ingresso è libero.
ARTICLE BOTTOM AD