Home Calabriawebtv RECOVERY, “CAMBIAMO LA CALABRIA”: RISORSE CERTE AI COMUNI PER LO SVILUPPO

RECOVERY, “CAMBIAMO LA CALABRIA”: RISORSE CERTE AI COMUNI PER LO SVILUPPO

De Bartolo, responsabile Enti Locali, solidarietà con i sindaci della Calabria che insieme ai colleghi del Sud manifesteranno a Roma il 21 luglio prossimo.

Bevilacqua, la Regione faccia la sua parte. Nel programma  elettorale  una ‘’strategia’’ di sviluppo per le ‘’Aree interne’’

‘’Piena solidarietà e condivisione con i Sindaci del Sud, in particolare con tutti i Sindaci della Calabria che a Roma manifesteranno il 21 luglio prossimo per chiedere ed ottenere l’equità’ territoriale tra Nord e Sud riguardo alle risorse del Recovery fund’’: lo afferma Nicolò’ de Bartolo,  responsabile Enti Locali del coordinamento di ‘’Cambiamo’’ della Provincia di Cosenza, e Sindaco di Morano Calabro, in condivisione con il coordinatore regionale, senatore Franco Bevilacqua ed il coordinatore provinciale, Giovanni Antoniotti.

‘’Non basta – sottolinea de Bartolo – la quota certa del 40% al Sud delle risorse del Piano di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che rischia di creare un’ulteriore divaricazione nei livelli di sviluppo a discapito del Sud e acuire le difficoltà socio-economiche delle aree depresse le cui condizioni si sono vieppiu’ deteriorate a seguito della Pandemia da Covid 19’’.

La spesa nazionale per interventi a favore del Sud – sottolinea de Bartolo – è scesa dallo 0,47% del Pil degli anni Novanta allo 0,15% del 2015. I fondi europei hanno sostituito soltanto in minima parte le politiche di riequilibrio. Al Sud e alla Calabria che evidenzia più disparità delle altre regioni  del Sud – aggiunge  il Sindaco di Morano Calabro  e ‘’new entry’’ in ‘’Cambiamo’’ – deve essere dato ciò di cui ha effettivamente bisogno: a cominciare dal personale competente necessario ad elaborare progetti di sviluppo , come richiede il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (pnrr).

Il coordinatore regionale, Francesco Bevilacqua, chiede, a questo proposito, al Presidente facente funzione della Regione, Nino Spirli’ di far sentire ‘’le buone ragioni’’ dei Comuni, nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni. Inoltre – sottolinea Bevilacqua –  la Regione dovrà operare, così come faranno i gruppi parlamentari di ‘’Coraggio Italia’’,  affinché’ i Comuni, come le Regioni, svolgano un ruolo non da spettatore nella ‘’cabina di regia’’ del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Circa 87 miliardi di euro, dovrebbero essere destinati a regioni, comuni , province e città metropolitane  del Sud e sicuramente i comuni – osserva Bevilacqua – sono i maggiori investitori pubblici e dunque è necessario che sappiano che cosa dovranno fare, con quante risorse e quali sono le regole per amministrarle.

“Cambiamo” – preannuncia Bevilacqua- presenterà a breve il suo programma elettorale: un intero capitolo e’ dedicato alla strategia delle ‘’Aree interne’’ che rappresentano il 78% dei Comuni calabresi, oltre la metà della popolazione (58,54%) ed il 79% della superficie.

Bisogna  allargare – aggiunge Bevilacqua – la progettualità delle  esistenti quattro ‘’Aree interne’’: Reventino – Savuto, Grecanica, Ionico-Serre, Sila -Pollino già nella ‘’strategia nazionale’’ , ad altre ‘’Aree che soffrono, al pari di quelle indicate, di diseguaglianze ma che al contempo offrono grandi disponibilità di risorse ambientali (risorse idriche, sistemi agricoli, foreste, paesaggi naturali),  e culturali ( beni archeologici, insediamenti storici, abbazie, piccoli musei, artigianato).

La quasi totalità delle ‘’Aree interne’’ – conclude Bevilacqua – è “area rurale”.

Tale caratteristica preminente porterebbe a  considerarla un ‘’grande incubatore’’ dove promuovere una rete di piccole e medie imprese identitarie che potrebbero utilizzare materie prime del territorio a rischio di estinzione e che si potrebbero servire dell’innovazione tecnologica per innovare i processi di produzione e di distribuzione.

Nessun commento