Il Maestro Romano Pucci a Pentone

ARTICLE TOP AD

Avrà luogo venerdì (1 settembre) alle ore 21, nella suggestiva cornice della Chiesa “San Nicola di Bari di Pentone, il concerto del Maestro Romano Pucci

Il già primo Flauto alla Scala di Milano sarà ospite nel borgo presilano invitato dall’Amministrazione comunale, che ci ha tenuto particolarmente ad ospitarlo in quanto peraltro le sue origini sono pentonesi.

L’Amministrazione ha prontamente colto l’occasione in vista dell’imminente festa della Madonna di Termine, che quest’anno giunge al sua 250ma celebrazione

La kermesse musicale attesa con fermento ed entusiasmo prevede inoltre la partecipazione del Maestro Tommaso Rotella, clarinetto, del Maestro Giuseppe Chiarella, pianoforte, e del tenore Amerigo Marino.

Michele Affidato Orafo

Il repertorio in programma abbraccia diversi periodi della composizione sinfonico-operistica e sarà un’occasione di rilancio della secolare tradizione musicale pentonese, tradizione che si rinnova con la presenza di artisti di alto spessore.

Il Primo cittadino, dott. Michele Merante, ricevera’ il Maestro Puccio nella  Sala Consiliare, per consegnargli una targa ricordo di questa sua importante visita a Pentone.

A presentare il Concerto, dopo i saluti del Parroco don Gaetano Rocca, sarà l’avv. Giuditta Mattace, vice sindaco ed assessore alla Cultura, che ha avuto parole di elogio per i Maestri che onoreranno Pentone con le loro presenze a pochi giorni dallimportante festa religiosa della Madonna di Termine.

Sara’ presente anche una nutrita delegazione di cittadini pentonesi che vivono da tempo oltre Oceano e che spesso ritornano per partecipare con grande trasporto alle attività estive promosse dal Comune, dalla Parrocchia e dalle Associazioni del territorio.

“Non c’è dubbio – ha dichiarato il Maestro pentonese Marino – che da sempre la musica addolcisce i cuori e magicamente li unisce grazie all’armonia che è in grado di produrre. Che questo concerto possa essere il preludio di un periodo di pace, serenità e preghiera per tutta la comunità”.

ARTICLE BOTTOM AD