LEGGE DI BILANCIO: FSP CHIEDE INCONTRO CON MELONI.

Valter Mazzetti, FSP, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato
ARTICLE TOP AD

Legge di Bilancio, Fsp Polizia chiede un incontro alla Meloni: “Chi vive il Comparto dall’interno può rappresentare i problemi che fiaccano gli operatori”

“Abbiamo chiesto al Presidente del Consiglio un incontro urgente in occasione dell’elaborazione della Legge di bilancio.

Una richiesta che crediamo avrà una risposta positiva, non solo perché un tale confronto è previsto dalla legge, ma perché esso è funzionale a una migliore ricerca delle strategie per affrontare i problemi di centinaia di migliaia di operatori della sicurezza che, in virtù della specificità di un lavoro così complesso, solo chi opera all’interno può rappresentare adeguatamente.

E Giorgia Meloni, ancor prima che divenire il nuovo capo del governo italiano, ha riservato rispetto e attenzione per le nostre più pressanti preoccupazioni, dimostrando di avere a cuore la sicurezza del Paese, e con una dichiarazione di gratitudine sincera e non formale che attendavamo da troppo tempo.

Ce lo ha chiarito senza mezzi termini nella lettera con cui ha risposto all’appello pre-elettorale di Fsp Polizia, e lo ha ribadito con fermezza nel suo discorso programmatico alla Camera. Come lei, anche i rappresentanti politici che la accompagnano al governo del paese hanno palesato uguali convincimenti, e dunque attendiamo fiduciosi e, anzi, certi che questo confronto ci sarà a breve”.

mazzetti FSP, Segretario Generale Fsp Polizia di StatoCosì Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato, a proposito del contenuto di una missiva inviata al Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

Michele Affidato Orafo

“Il confronto con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del Comparto – aggiunge Mazzetti – è indispensabile per intraprendere strade condivise, verso obiettivi che dovrebbero vederci coesi e leali, ciascuno nei rispettivi ruoli, in virtù di qualcosa di superiore: la sicurezza del Paese.

E un dialogo in tema di questioni come il rinnovo del contratto di lavoro scaduto l’anno scorso, la perequazione pensionistica, e tutti gli altri strumenti indispensabili per la serenità e l’efficienza di chi veste la divisa, saranno l’inizio di un nuovo corso nella storia del paese anche per chi serve in maniera silenziosa e diuturna i Cittadini, le Istituzioni e un’intera Italia che vorremmo veder crescere sempre di più, avvolta nel manto di quella sicurezza che noi ci pregiamo di garantire”.

ARTICLE BOTTOM AD