IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO SI CANDIDA ALLA CARICA DI SINDACO A VALLEFIORITA

ARTICLE TOP AD

Enzo Bruno si presenta agli elettori di Vallefiorita, un centro di circa 1.800 abitanti dell’entroterra catanzarese

E’ la nuova sfida del presidente della provincia di Catanzaro e segretario provinciale del PD, sollecitato dai suoi concittadini, ma anche dall’amore che nutre per il suo paese uniti alla volontà di dar voce alla sua comunità che gli ha sempre dato fiducia. Ieri ha aperto la campagna elettorale, alla presenza, tra gli altri, del segretario regionale, Ernesto Magorno, del consigliere regionale, Antonio Scalzo, del Dg dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”, Giuseppe Panella e dei vice segretari provinciali, Michele Drosi e Gianluca Cuda. Presenti anche alcuni primi cittadini del comprensorio soveratese: Sant’Andrea, Girifalco e Palermiti. “Siamo di fronte alla possibilità di aprire una fase nuova – dichiara Bruno – superando i vecchi problemi. Inoltre tra i progetti quello di dar spazio ai territori con i sindaci protagonisti, ma anche quello di fare di Vallefiorita il centro del comprensorio recuperando anche vecchie tradizioni artigiane.

Intanto il centro catanzarese si prepara ad accogliere il sottosegretario alla presidenza, Luca Lotti e il vice segretario nazionale del Pd, Lorenzo Guerini a sostegno del candidato.

Di seguito la lettera aperta di Enzo Bruno ai suoi concittadini in cui spiega le motivazioni che lo hanno spinto ad affrontare questa nuova sfida:

Michele Affidato Orafo

Care concittadine, cari cittadini,

il proficuo lavoro condotto nei primi diciotto mesi dell’amministrazione provinciale, che mi onoro di guidare, ha portato ad un forte rilancio dell’intero territorio. I risultati dal punto di vista progettuale si colgono a vista d’occhio, anche per il Comune di Vallefiorita. Molte sono le opere in via di realizzazione per cui sono impegnate risorse per circa un milione e mezzo di euro, con fondi anche regionali. Nello specifico: 180 mila euro per la ristrutturazione della Chiesa Matrice; 250 mila euro per il ponte Azzaro; 350 mila euro per il completamento della Strada provinciale Valleriorita-Cenadi-Filadelfia; 100 mila euro per la sistemazione della Strada provinciale Cruci Fora-Municipio. Una particolare attenzione è stata rivolta alla sicurezza del territorio con l’adozione di misure di contrasto al dissesto idrogeologico, basta ricordare: la bonifica del fiume Grecìa; la sistemazione strada adiacente torrente Rina; la sistemazione e la bonifica del fosso canale Zumba.

La legge sulle nuove Province impone che dal 2018 il presidente dovrà essere un sindaco. Alla luce di queste considerazioni, l’amore per il mio paese e le sollecitazioni che mi arrivano da tanti di voi – a partire dalla lista “Vallefiorita nel cuore” guidata da Salvatore Bruno, con il quale abbiamo condiviso questi cinque anni di opposizione e il progetto politico interpretato a livello nazionale da Matteo Renzi – ho deciso di candidarmi a sindaco del nostro Comune. Una scelta molto sofferta che, però, se portata a buon fine, mi consentirà di rafforzare ulteriormente il ruolo di Vallefiorita nel contesto provinciale e regionale. Infatti, da segretario provinciale del Pd ho costruito forti legami con la Regione e il Governo nazionale, guidato da Matteo Renzi.

Siamo di fronte, quindi, alla possibilità di aprire una nuova fase al Comune di Vallefiorita. La nostra comunità deve superare vecchi problemi: da paese “senza sbocchi stradali” deve diventare centro del comprensorio, capace di rilanciare la sua economia, a partire dal settore olivicolo e zootecnico, ma anche la sua vocazione artigianale. Tutto ciò può essere realizzato con i fondi europei.

Il bilancio comunale deve essere uno strumento che consenta di dare servizi necessari a famiglie ed imprese sgravandolo da spese inutili, clientelari e particolari.  Il mio impegno è quello di ridurre tributi e tasse al minimo di legge, eliminando quelle facoltative, come l’odiosa addizionale Irpef. Inoltre, penso ad opere pubbliche strategiche come il lungofiume fino a località Raddis, anche per il consolidamento e la messa in sicurezza dell’abitato, e ad un intervento di rifacimento dell’acquedotto per eliminare rischi sulla salute dei cittadini migliorando la qualità dell’acqua. Grande attenzione avranno le giovani generazioni: wi fi libero in tutte le piazze e una tensostruttura che funga sia da centro di aggregazione giovanile e per grandi eventi, sia come riferimento in caso di calamità naturali.  Intenso dovrà essere il rapporto con i nostri emigrati che sono orgogliosamente ancorati alle nostre origini.

Vallefiorita, insomma, ha bisogno di una fase amministrativa nuova, che marchi una rottura con il passato. Quindi, avanti con questa sfida: sostenetemi nel mantenere alto il nome del nostro piccolo grande Comune, che ha avuto l’opportunità di esprimere il presidente della Provincia di Catanzaro. Un incarico prestigioso che vorrei continuare ad esercitare con passione e impegno per l’orgoglio e il bene della nostra comunità: voglio essere il sindaco di tutti.  Pertanto vi chiedo sostegno e condivisione per il benessere, il progresso e lo sviluppo della nostra Vallefiorita.

Con l’impegno e la passione di sempre,

Enzo Bruno

ru

ARTICLE BOTTOM AD