CHIARAVALLE, SIT IN DI PROTESTA DEI SINDACI DAVANTI LA ‘DOMUS AUREA’

ARTICLE TOP AD

Il primo cittadino di Chiaravalle, Domenico Donato, assieme ai colleghi sindaci di altri comuni ha dato vita ad un sit-in fatto in prossimità della “Domus Aurea”, la casa di cura all’interno della quale è scoppiato un focolaio di Coronavirus ormai da diversi giorni e in cui restano ancora ricoverati numerosi anziani degenti.

Una protesta posta in essere nel tentativo di mettere fine alla oramai drammatica situazione che ha già registrato il decesso di 8 persone.

Decessi che però non sono serviti a sciogliere il rimpallo di responsabilità tra le varie istituzioni coinvolte nella vicenda e che soprattutto non hanno ancora portato al trasferimento degli anziani promesso oramai da giorni.

Le stesse attività sono state più volte programmate e riprogrammate, ma di fatto la soluzione sembra ancora lontana, data la protesta montata dai primi cittadini del Chiaravallese.

Michele Affidato Orafo

«Non possiamo permettere una carneficina – ha dichiarato il sindaco Domenico Donato – l’avvocato De Santis non ha più personale infermieristico» e, come forma di protesta, i sindaci si sono recati proprio presso la “Domus Aurea” per dare un «segnale forte di intervento immediato».

A rispondere all’appello del primo cittadino di Chiaravalle i colleghi dei comuni di Cardinale, Torre di Ruggiero, Argusto, Gagliato, Centrache, Cenadi, Davoli, Stalettì e Vallefiorita ma tanti altri amministratori stanno rispondendo mostrandosi vicini alla causa.

Intanto si legge sulla pagina del comune di Vallefioruta che sono rimasti ancora 2 pazienti da trasferire.

ARTICLE BOTTOM AD