ANNIVERSARIO MORO E IMPASTATO: ‘RICORDARE PER RENDERE VIVE LE VITTIME DELLA VIOLENZA’

ARTICLE TOP AD

“C’è un cerchio rosso intorno alla data del 9 maggio. O almeno dovrebbe esserci nel calendario del cuore di ciascun italiano.

Perché il 9 maggio ha segnato la storia del nostro Paese. Il 9 maggio, stesso giorno stesso anno – 1978 – hanno perso la vita Aldo Moro e Peppino Impastato”.

Inizia così la nota del segretario generale  della UST CISL Magna Graecia, Francesco Mingrone. “La giornata di oggi – ha dichiarato – è la Giornata della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi.

Sono passati 40 anni da quando nello stesso giorno, il 9 maggio 1978, sono stati trovati morti Aldo Moro e Peppino Impastato.

Michele Affidato Orafo

Due morti terribili. Che hanno segnato la storia del nostro Paese e di quanti hanno vissuto direttamente o, attraverso i racconti dei loro padri, quelle tragiche ore. Due uomini.

Due storie. Due morti. Aldo Moro e Peppino Impastato.

Il primo ucciso dai terroristi e l’altro dalla mafia. Impossibile cancellare dalla memoria le immagini di quelle morti.

Di quella giornata. Le immagini del corpo fatto ritrovare nel bagagliaio di una R4 rossa a pochi passi dalle sedi dei due partiti popolari italiani del dopoguerra, la DC e il PCI per Aldo Moro.

E i  brandelli del corpo, dilaniato dall’esplosivo, sparsi nel raggio di decine di metri, per Peppino Impastato. Oggi – ha concluso Mingrone – è il giorno del dolore. Della memoria. Del ricordo.  Ricordare per per rendere vive le vittime della violenza”.

ARTICLE BOTTOM AD