ALECCI SU IMPIANTI EOLICI NEL MAR IONIO

ernesto alecci
ARTICLE TOP AD

Dichiarazione dell’On. Ernesto Alecci in merito alla notizia relativa alla richiesta di concessione area marina per realizzazione di due impianti eolici galleggianti, tra Isola Capo Rizzuto e Monasterace.

In relazione ai progetti presentati da due multinazionali presso la Capitaneria di Porto di Crotone e riguardanti la realizzazione di imponenti parchi eolici galleggianti nei bacini d’acqua compresi tra Isola Capo Rizzuto e Monasterace, in qualità di Consigliere Regionale ho presentato un’interrogazione al Governo Regionale affinchè prenda una posizione chiara riguardo la loro realizzazione.

Infatti, in una regione come la Calabria, con circa 800 chilometri di costa, dovremmo concentrarci a pianificare interventi volti allo sviluppo del turismo, della pesca, della tutela dei parchi marini e delle aree protette, in un’ottica di utilizzo ecosostenibile delle risorse.

Non vorrei che dietro ciò che oggi appare come un’opportunità di sviluppo ecosostenibile, in realtà si possa nascondere il pericolo di un inquinamento ambientale aggravato da una speculazione.

Il reperimento di investimenti nazionali e internazionali nel nostro territorio deve certamente essere uno degli obiettivi del nuovo corso dell’ente regionale, ma non “a tutti i costi!”.

Michele Affidato Orafo

E’ giusto guardare con interesse allo sfruttamento di energie pulite e rinnovabili, ma bisogna sempre procedere per tempo con studi, verifiche e analisi dei reali costi e benefici per i nostri territori.

Al momento sembra che la Calabria produca in termini di energia rinnovabile più di quello che consuma e, anche se all’interno dei progetti ad oggi presentati sono citate garanzie riguardo eventuali disagi e un eventuale impatto sull’ambiente circostante, è comunque lecito immaginare gravi ricadute sull’intero ecosistema marino, sia durante le operazioni di messa in opera dei cavi che durante l’attività e la manutenzione degli impianti.

Bisogna fare chiarezza: la zona di mare interessata dai progetti, con l’area protetta di Isola Capo Rizzuto, la Baia di Soverato e a sud fino alla Costa dei Gelsomini, rappresenta un patrimonio che non possiamo assolutamente mettere in pericolo.

Un paradiso naturalistico che, già da Sindaco di Soverato e da presidente del Flag Jonio 2, ho sempre cercato di difendere e valorizzare attraverso un lavoro continuo basato su progetti e collaborazioni con associazioni ed enti interessati, un lavoro che continuerò a portare avanti anche in sede regionale.

ARTICLE BOTTOM AD