AD ARMONIED’ARTEFESTIVAL LA STORIA DIVENTA INCANTO E SUGGESTIONE CON “FRANCESCO E IL SULTANO”

ARTICLE TOP AD

Una storia ancora attuale di un incontro avvenuto nel 1219 a Damietta, a pochi chilometri di distanza da Il Cairo, durante la Quinta Crociata, in una notte buia e bagnata di sangue in cui la voce di Anubi pervade il deserto egiziano in un pianto di lutto. Un gesto dal quale prendere esempio e ripartire per la ricerca di una intesa tra Oriente e Occidente. Il dialogo avvenuto tra Francesco d’Assisi e il Sultano d’Egitto Malik al Kamil ha segnato un altro momento culturale proposto da Armonied’ArteFestival, diretto da Chiara Giordano e il cui ente attuatore è la Fondazione Armonie d’Arte…

Ieri sera nel Parco Scolacium di Roccelletta di Borgia, luogo ideale per rappresentare la produzione originale del Festival “Francesco e il Sultano ovvero tra Cristianità e Islam”, si sono vissuti momenti di intima riflessione che pur se a distanza di molti secoli è il dialogo interreligioso più significativo.

Con questo appuntamento Armonied’ArteFestival si è confermato come un festival che non si limita alle performance estetiche ma vuole proporsi come “luogo” di riflessioni intellettuali e sociali. Scritta dal giornalista Francesco Brancatella e dedicata a Suso Cecchi D’Amico e Franco Zeffirelli, autori del soggetto inedito, la prima produzione originale del Festival inserita in questo XVI edizione è stata un viaggio nella storia, un racconto di amicizia, tolleranza e dialogo, una cronaca di paura e distruzione, guerra e devastazione.

Una narrazione tutta personale e interiore in cui l’alterità diventa arricchimento, la diversità unione possibile e quasi necessaria oltre che legittima. Uno spettacolo che è riuscito ad unire musica, danza, parole e storia attualizzando il messaggio di pace e dialogo iniziato da San Francesco sulle rive del Nilo.

Michele Affidato Orafo

Sul palco un profetico Alessio Boni nei panni del santo, un intenso e raffinato Mariano Rigillo nel ruolo di Federico II e un memorabile e graffiante Edoardo Siravo nel ruolo del Sultano. Il racconto fatto di parole e note ha trovato il suo completamento nel movimento dei ballerini del Collettivo FAdA diretti da Filippo Stabile sotto la consulenza coreografica di Micha Van Hoecke e la consulenza registica di Lorenzo D’Amico De Carvalho.

Ancora una volta, Armonied’ArteFestival è riuscito non solo ad offrire al suo pubblico uno spettacolo sublime con attori simbolo del teatro italiano ma a proporre un momento di riflessione e comprensione della realtà grazie ad un’operazione artistica di ampio valore che è riuscita a fondere tutte le sfaccettature possibili dell’arte e della cultura.

E se il percorso di dialogo e tolleranza iniziato da San Francesco, il folle di Dio, potrà essere portato a termine solo dopo l’intervento diplomatico di Federico II, la santità manifesta del Santo consentirà, per la prima volta nella storia, la nascita degli avamposti della cristianità a Gerusalemme e Betlemme dando vita al primo tentativo di pace tra due religioni che sembravano e sembrano tutt’ora inconciliabili.

Martedì 23 agosto, alle ore 22,00, Armonied’ArteFestival propone la seconda produzione originale in cartellone firmata da Dante Antonelli “Shakespeare Sonetti ovvero il suono di dentro”, un omaggio per i 400 anni dalla morte del grande drammaturgo simbolo della cultura occidentale ed inserito nel Focus Viola dedicato proprio al racconto dei grandi uomini e delle grandi azioni.

La Basilica Normanna del Parco Scolacium darà vita ad un ensemble originale frutto della collaborazione tra gli otto performer della Compagnia “Armonici del momento”, uno spettacolo unico e ricco di contaminazioni artistiche capace di costruire intorno al tema dell’amore una rappresentazione sensuale, profonda e intima.

In scena parole, musica e danza con Giovanna Cammisa, Alberto Baraghini, Francesco Tasselli, Ugo Benini, Pietro Turano, Claudio Insalaco, Vincenzo Grassi e Giuseppe Fabris, il movimento scenico sarà curato da Simona Rinaldo. Una drammaturgia dei Sonetti composti insieme seguendo filoni tematici ed espressivi scelti per la loro urgenza oltre che estrema attualità.

I biglietti dello spettacolo potranno essere acquistati presso la biglietteria del Parco Scolacium, dalle ore 16 alle 19, e online sul sito www.armoniedarte.com. Per maggiori informazioni potrà essere contattata la segreteria al numero di telefono 366.4362321.

FOTO DI ARMONIE D’ARTE FESTIVAL

ARTICLE BOTTOM AD